Le migliori batterie al mondo

| MUSICA
Le migliori batterie al mondo
Fonte:listas.20minutos.es
Le migliori batterie al mondo secondo il mio punto di vista.

TOP 25:
Joey Kramer (Aerosmith)
Joey Kramer (Aerosmith)
La sua prima collaborazione autore con la band fu per la canzone Pandora's Box, dall'album Get Your Wings, 1974. Appare anche nei titoli di coda di canzoni come Kings and Queens e The Hand That Feeds.

TOP 24:
Ginger Baker (Crema)
Ginger Baker (Crema)
Il modo di suonare di Baker ha attirato l'attenzione per la sua esuberanza, spettacolo e uso pioneristico di due tamburi invece di uno solo. Decisamente convinto come un batterista jazz, era disgustato quando si riferivano a lui come un batterista rock. Anche se a volte recitava in modo simile a Keith Moon di The Who, Baker impiegava anche uno stile più ristretto influenzato dai gruppi di British Jazz che ascolto tra la fine degli anni '50 e l'inizio degli anni '60. All'inizio come batterista suonava lunghe percussioni da solista, il più noto è un pezzo di 16 minuti chiamato "Toad" trovato nel doppio album dei Cream Wheels of Fire. È anche noto per l'uso di una varietà di altri strumenti a percussione e per la sua applicazione di ritmi africani.


TOP 23:
Carl Palmer (Emerson, Lake & Palmer)
Carl Palmer (Emerson, Lake & Palmer)
Era spesso considerato uno dei batteristi Rock più rispettati e influenti di tutti i tempi. Palmer è un veterano di numerose band, tra cui The Crazy World of Arthur Brown, Atomic Rooster, Emerson, Lake & Palmer e Asia. Ha anche contribuito a lavorare con Mike Oldfield.

TOP 22:
John Densmore (The Doors)
John Densmore (The Doors)
Desnmore ha dominato diversi ritmi che lo hanno spiccato nel mondo delle batterie. Questa maestria di stili può essere vista in canzoni come: "Strange Days", "People Are Strange", "Love Me Two Times", "The End", "Riders On The Storm", ecc.

TOP 21:
Larry Mullen Jr. (U2)
Larry Mullen Jr. (U2)
Come la maggior parte dei giovani batteristi, Larry ha iniziato a sperimentare uno stile più stravagante, riducendolo gradualmente a una forza più controllata che attualmente dimostra. C'è un'arte ingannevole nella semplicità (l'espressione ampia e audace che raggiunge l'ultimo posto nella sala da concerto) e Larry e U2 sono i maestri.


TOP 20:
Phil "Philthy Animal" Taylor (Motörhead)
Phil "Philthy Animal" Taylor (Motörhead)
Phil Taylor, meglio noto come "Philthy Animal" Taylor o "Philthy" Phil Taylor è stato il batterista della band heavy metal britannica, Motörhead, tra il 1975-1984 e il 1987-1992.

TOP 19:
Marky Ramone (Ramones)
Marky Ramone (Ramones)
Marky Ramone è un batterista riconosciuto principalmente per la sua partecipazione al gruppo dei Ramones. La sua prima partecipazione è stata nell'album Road to Ruin quello stesso anno e ha suonato dal vivo per la prima volta il 29 giugno.

TOP 18:
Alex Van Halen (Vah Halen)
Alex Van Halen (Vah Halen)
Il più vecchio dei Van Halen è stato caratterizzato dall'essere un batterista a cui piace dare un bello spettacolo, con batteria intensa da solo, fino ad ora unico e senza eguali. Ecco perché è considerato uno dei migliori batteristi al mondo.


TOP 17:
Vinnie Paul (Pantera)
Vinnie Paul (Pantera)
Vinnie ha suonato in Panther, Three Devils, Damageplan e Rebel Meets Rebel, tutti con suo fratello Dimebag Darrell. Spesso, questi fratelli venivano paragonati ad Alex e Eddie Van Halen per il buon rapporto tra loro.

TOP 16:
Charlie Watts (The Rolling Stones)
Charlie Watts (The Rolling Stones)
Fu assunto dai Rolling Stones nel 1963 per sostituire il suo ex batterista Tony Chapman e da allora è rimasto nel gruppo, formando con il cantante Mick Jagger e il chitarrista Keith Richards l'associazione più duratura nella storia del rock. Secondo le dichiarazioni di Jagger e Richards, è il vero leader della band.

TOP 15:

Peter Criss "The Cat" (Bacio)

Peter Criss "The Cat" (Bacio)
Il suo alter ego o nome d'arte è "The Cat". Presto Criss mostrò una potente virtù dell'esecuzione a orecchio e molto bene, un fatto che attira l'attenzione e che era più che un incentivo giustificato per suo padre a stabilire tutti i contatti possibili per mettere Peter in un seminario con il più grande batterista jazz di tutti i tempi: Gene Kruppa.


TOP 14:

Bill Ward (Black Sabbath)

Bill Ward (Black Sabbath)
Oltre a contribuire alla batteria come membro originale del gruppo, Ward ha cantato in due canzoni dei Black Sabbath: It's Alright (album Technical Ecstasy) e Swinging the Chain (dall'album Never Say Die!). "Creatore di metalli pesanti"

TOP 13:

Stewart Copeland (La polizia)

Stewart Copeland (La polizia)
È considerato uno dei migliori e più influenti batteristi rock di tutti i tempi. Il suo modo di eseguire lo strumento ha influenzato famosi batteristi come Marco Minnemann, Chad Smith, Taylor Hawkins, Alex González (Mana), tra gli altri.

TOP 12:

Neil Peart (Rush)

Neil Peart (Rush)
Peart ha ricevuto innumerevoli premi per la maggior parte delle esibizioni che ha registrato ed è ampiamente rispettato sia per le sue capacità tecniche sia per l'energia con cui suona il suo strumento. In termini di influenza, è uno dei più importanti batteristi della storia, il riferimento forzato di migliaia di artisti in tutto il mondo ed è stato costantemente riconosciuto dagli esperti come uno dei più grandi batteristi rock di tutti i tempi.

TOP 11:

Dave Lombardo (Slayer)

Dave Lombardo (Slayer)
Lombardo è noto per essere un batterista thrash metal aggressivo e il suo modo di suonare è stato definito "incredibilmente innovativo", 4 che ha fatto della rivista Drummerworld chiamarlo "il padrino del contrabbasso". Durante la sua carriera, ha avuto una grande influenza sulla scena metal, avendo ispirato molti nuovi batteristi del genere.


TOP 10:

Phil Rudd (AC / DC)

Phil Rudd (AC / DC)
Conosciuto per essere il batterista AC / DC, è considerato il batterista originale della band; insieme a Cliff Williams e ai fratelli Young, forma la classica formazione del gruppo. Il suo stage in AC / DC comprende dal 1975 al 1983, e successivamente dal 1994 ad oggi. Da quando ha lasciato il gruppo di Mark Evans, è diventato l'unico membro australiano del gruppo. Insieme agli attuali membri della band e Bon Scott, si è unito alla Rock and Roll Hall of Fame nel 2003.

TOP 9:

Steven Adler (Guns N 'Roses)

Steven Adler (Guns N 'Roses)
Steven Adler soprannominato "Popcorn", è il batterista degli ADLER noto soprattutto per essere il batterista originale della band Guns N 'Roses. Con questa band ha registrato Appetite for Destruction uno dei best seller della storia (27 milioni di copie) e GN 'R Lies.

TOP 8:

Nick Mason (Pink Floyd)

Nick Mason (Pink Floyd)
è il batterista del gruppo britannico, di rock psichedelico e progressista, Pink Floyd, di cui è, insieme a Roger Waters, Richard Wright e Syd Barrett, co-fondatore.

TOP 7:

Ian Paice (Deep Purple)

Ian Paice (Deep Purple)
Essere l'unico membro della band che è rimasto in tutte le sue formazioni. Considerato uno dei batteristi più influenti della storia, è uno dei pochi mancini che suona con la batteria adattata (altri, come Ringo Starr, hanno imparato a suonare con una squadra per destrimani).

TOP 6:

Keith Moon (The Who)

Keith Moon (The Who)
Moon era noto per il suo modo drammatico ed eccitante di suonare la batteria - spesso evitando ritmi di base, concentrando la sua tecnica sulla velocità, sottolineando i battiti attraverso la batteria, gestendo ambidamente il contrabbasso e colpendo selvaggiamente i piatti.


TOP 5:

Roger Taylor (regina)

Roger Taylor (regina)
Tra le sue migliori composizioni ci sono I'm In Love With My Car (che ha cantato), Sheer Heart Attack, Radio Ga Ga (numero 2 nel Regno Unito e numero 1 nel mondo), A Kind of Magic (numero 3 nel Regno Unito e 1 al mondo), These Are The Days Of Our Lives (numero 1 nel Regno Unito) e Heaven for Everyone, il taglio di maggior successo dell'album Made In Heaven. Taylor ha anche messo la sua voce su canzoni dei Queen come "The Loser In The End" dall'album Queen II, "I'm In Love With My Car" di A Night At The Opera o "Rock It" di The Game.

TOP 4:

Dave Grohl (Nirvana)

Dave Grohl (Nirvana)
Fu un batterista dei Nirvana dal 1990 fino allo scioglimento della band nel 1994, a seguito della morte del cantante e chitarrista Kurt Cobain. Nel 1995 ha formato la sua attuale band, i Foo Fighters, inizialmente come unico membro e successivamente cantante e chitarrista.

TOP 3:

Ringo Starr (The Beatles)

Ringo Starr (The Beatles)
Ringo era un batterista con un tempo perfetto, sapeva come dare ritmo a qualsiasi canzone e c'è un disco di meno di una dozzina di fallimenti delle registrazioni con i Beatles

TOP 2:

Lars Ulrich (Metallica)

Lars Ulrich (Metallica)
Il suo modo di suonare è molto vario e spazia dai semplici ritmi rock dell'album The Black Album, alle parti complesse e veloci su molti dei temi degli album dei Metallica più pesanti, come Master of Puppets, Ride the Lightning o ... E giustizia per tutti.

TOP 1:

John Bonham (Led Zeppelin)

John Bonham (Led Zeppelin)
Fino ad oggi è considerato uno dei migliori batteristi rock della storia, poiché ha cambiato l'approccio dello strumento. Ha creato uno stile che consisteva in un pugno più duro con meno ornamenti, molto più lontano dal jazz e dal blues. Potentemente influenzando tutte le generazioni successive di tamburi rock, incluso l'heavy metal.