Uomini che hanno cambiato il mondo

| PRESENTE
Uomini che hanno cambiato il mondo
Fonte:listas.20minutos.es

TOP 21:
René Descartes (1596-1650)
René Descartes (1596-1650)
La sua filosofia ha modellato il pensiero europeo. Rifletté su un sistema universale meccanicistico chiuso, sviluppò anche una geometria analitica, spiegò la rifrazione della luce dall'arcobaleno e studiò il magnetismo. È celebrato dalla sua frase "Penso, allora sono" Descartes influenzò non solo lo sviluppo di tutto il pensiero successivo, ma lo guidò anche nella direzione in cui un secolo dopo avrebbe raggiunto il suo apice nella critica e nel razionalismo di Kant.

TOP 20:
D. Enrique (1394-1460)
D. Enrique (1394-1460)
Pioniera delle scoperte moderne, era un bambino che non esitava mai a muovere i primi passi verso l'ignoto. Essendo collegati con la compagnia Ultramarine, suggeriscono presto al bambino l'idea di fare una spedizione marittima a sud e di esplorare l'ignoto per motivi commerciali e per motivi religiosi come portare la fede cristiana ai pagani. Ma la sua spedizione non ha molto successo, poiché arrivano a Madeira, una terra che è già conosciuta. Ma non si arrende e la sua esplorazione continua molti anni dopo. Anni dopo procede alla creazione delle prime cattedre di astronomia e matematica, è noto come la persona che ha aperto un percorso fisico per la circumnavigazione dell'Africa e anche come la persona che ha gettato le basi affinché le scoperte si autofinanziassero e potessero andare avanti. Aprendo così la storia dell'umanità verso una nuova era.


TOP 19:
Omero (VIII secolo a.C.)
Omero (VIII secolo a.C.)
Oggi è una convinzione generale che Omero esistesse davvero, viveva nelle terre ioniche dell'Asia Minore. Creatore delle opere più famose "La Iliada" e "La Odyssey", è un poeta le cui opere hanno iniziato tutta la letteratura europea, il cui spirito immortale continua a battere nei nostri tempi.

TOP 18:
George Washington (1732-1799)
George Washington (1732-1799)
Fu il capo dell'esercito durante la guerra di indipendenza americana e divenne il primo presidente degli Stati Uniti. La sua vita è iniziata come un uomo ricco grazie alla coltivazione del tabacco in Virginia, presto è stato nominato comandante delle truppe della Virginia fino alla vittoria del forte duca, la sconfitta della Francia ha significato l'eliminazione di un potente nemico. Nominato comandante come capo dell'esercito, condusse una brillante campagna militare (1775 - 1783) che si concluse con la sconfitta degli inglesi. Fu presto eletto presidente degli Stati Uniti nel 1789 e rieletto nel 1792. Ha tenuto un discorso commovente nel 1796 prima della sua partenza.

TOP 17:
Muhammad (570 - 632)
Muhammad (570 - 632)
Le sue rivelazioni hanno dato origine alla religione musulmana, essendo inizialmente un povero uomo d'affari dei cammelli, ma ben presto sposa una donna molto ricca, anche se apparentemente non ha trovato soddisfazione nell'accumulo di ricchezza. A 40 anni, quando l'arcangelo Gabriele gli apparve in forma umana, disse: "Maometto, sei l'inviato di Allah", sentendosi illuminato, cominciò a predicare tra i suoi parenti e amici. Presto denunciò il fatto di usanze idolatriche e il commercio della contrattazione, per non averle considerate all'altezza morale di Allah. Presto chiese la liberazione degli schiavi del suo tempo e propose anche di abolire l'usanza di uccidere le figlie neonate. Predicava l'indulgenza verso i poveri e il sostegno ai bisognosi. Poco dopo essere stato perseguitato, fuggì a Jathid dove ebbe contatti con una grande comunità ebraica che contribuì ai suoi movimenti partigiani, presto il suo credo si espanse e la sua dottrina per adorare Allah stava crescendo. Negli ultimi anni, li ha usati per modellare il nuovo stato teocratico. Il coran che raccoglie le rivelazioni di Maometto terminò 20 anni dopo; Questa religione è caratterizzata da un rapporto molto stretto con la vita quotidiana. Presto i suoi seguaci hanno diffuso queste credenze in molte altre regioni.


TOP 16:
Giulio Cesare (100-44 a.C.)
Giulio Cesare (100-44 a.C.)
La forza della sua energica personalità formò la storia del suo secolo; Cesare era in gioventù accanto ai populisti. Suo zio, il famoso stratega, rappresentò i populisti nella guerra civile del 78. Presto César iniziò a creare sistematicamente le condizioni che lo facilitarono a occupare in seguito le più alte posizioni statali. Nell'anno 59 Cesare fu nominato Console a Roma con l'applauso del popolo imposto al Senato diverse leggi di natura sociale e politica. Come pro-console accettò l'amministrazione della provincia di Gallia e l'alto comando su quattro legioni (ciascuna composta da 6.000 soldati), con cui iniziò il significato storico universale di Cesare come stratega che sconfigge molte nazioni nemiche. Poco dopo il Senato lo nominò dittatore e aprì così la possibilità di configurare lo stato e la società secondo i suoi piani per migliorarlo, poco dopo che fu ucciso dai cospiratori.

TOP 15:

Johannes Gutenberg (1397-1468)

Johannes Gutenberg (1397-1468)
Ha inventato la macchina da stampa con lettere mobili fuse, questa è la sua creazione più immortale. Prima di Gutenberg esistevano tecniche di stampa da molto tempo, tuttavia tutte queste procedure presentavano uno svantaggio: il materiale non aveva una resistenza sufficiente per la stampa di grandi edizioni. Comincia a lavorare segretamente su questa invenzione innovativa e la realizza, ma sfortunatamente viene condannato e dimenticato, tuttavia bisogna riconoscere che ora la conoscenza e la cultura generale ora potrebbero diffondersi rapidamente.

TOP 14:

Nicholas Copernicus (1473-1543)

Nicholas Copernicus (1473-1543)
Identificò il ruolo della terra nell'universo, visse in un'era in cui tutti erano convinti che la terra avesse la forma di un disco e che fosse il punto medio dell'universo, attorno al quale ruotavano il sole, la luna e gli altri pianeti per l'eternità , con il suo lavoro "la tesi di un sistema universale" ha eliminato questi errori e da esso è stato costruito un punto di partenza di tutte le conoscenze che abbiamo attualmente sulla struttura dell'universo e le sue forze di movimento. La sua sete di ricerca lo portò a scoprire teorie del terzo secolo a.C. secondo cui la terra era rotonda. Nei suoi ultimi anni di vita accetta l'impressione del suo lavoro, ma non è abbastanza per essere pubblicato fino a dopo la sua morte, il suo lavoro riguardava il sistema eliocentrico universale in cui si affermava che il sole era il centro dell'universo; Inizialmente accolto dai matematici e poi da filosofi e religiosi. Anni dopo questa teoria è accettata in tutto il mondo.


TOP 13:

Pablo Picasso (1881 - 1973)

Pablo Picasso (1881 - 1973)
Prima figura delle arti plastiche, è stato il protagonista e l'inimitabile creatore delle varie correnti che hanno rivoluzionato il XX secolo, suo padre è stato il suo primo insegnante, da quando era un pittore. Anni dopo ottenne una menzione d'onore nella grande mostra di Madrid per il suo lavoro "Scienza e carità". Nel 1900 era già un artista professionista e la sua fama aumentò; Era un uomo in buona salute, dotato di un'enorme capacità di lavoro e di energia illimitata per godersi la vita, quando morì lasciò il più grande lascito artistico personale del ventesimo secolo.

TOP 12:

William Shakespeare (1564-1616)

William Shakespeare (1564-1616)
È il drammaturgo più notevole della letteratura universale, iniziando a lavorare nel teatro nel 1586 nelle posizioni più umili, nel 1597 ottenne un clamoroso successo con il personaggio di Falstaff, e le sue opere furono nominate in una sinossi dell'epoca, ma Le sue opere non erano così apprezzate in quello che viveva come oggi. Sette anni dopo la sua morte, nell'anno 1623 i suoi compagni di scena John Heminge e Harry Condell pubblicarono l'edizione di 36 opere drammatiche, questo è il punto di partenza per le indagini sulla vita di Shakespeare. Nel gioco di questo drammaturgo si può essere di fronte a un quadro completo e preciso dell'umanità che ci ha preceduto. Le figure da lui create sono talvolta enigmatiche come gli esseri della vita ordinaria, la letteratura universale che Shakespeare ha è un genio senza eguali.

TOP 11:

Buddha (560 a.C.- 480 a.C.)

Buddha (560 a.C.- 480 a.C.)
La sua teoria della rinuncia, conquistò l'Asia, inizialmente conosciuta come il principe Siddhārtha, a 20 anni subì una crisi psichica, che lo portò a una profonda trasformazione interiore. In quattro occasioni consecutive quando lasciò il palazzo in cui viveva, inciampò in un vecchio, un uomo malato, un uomo morto e un Asceta; Questi incontri lo portarono a interrogarsi sul significato dell'esistenza. Stanco della vita di routine che conduceva, abbandonò segretamente tutta la sua vita materiale, si tagliò la barba e i capelli, si cambiò i vestiti per un abito giallo penitente e iniziò la vita di pellegrinaggio. Presto divenne un Buddha, "il saggio", "l'illuminato", apparendo in pubblico come predicatore pellegrino, Crossing India fu presentato come la via della salvezza e i suoi discepoli lo elevarono alla qualità di Dio. Il buddismo non era originariamente una religione, ma una filosofia: amore per la saggezza e aspirazione alla conoscenza. Nel buddismo non viene riconosciuto nessun dio, nessuna anima, nessun essere eterno, nessuna risurrezione e nessuna differenza sociale. È la ricerca della redenzione, la ricerca della pace interiore dell'essere umano. Le sue aspirazioni spirituali sono "l'incontro di perfezione e pace", "nirvana" o "estinzione" che è la fine di ogni sofferenza (vita).


TOP 10:

Ludwig van Beethoven (1770-1827)

Ludwig van Beethoven (1770-1827)
È noto come il grande musicista del diciannovesimo secolo, sin dalla giovane età mostra regali per la musica, presto padroneggia l'organo, il violino e soprattutto il pianoforte, a 11 anni realizza le sue prime composizioni. All'età di 17 anni si reca a Vienna per incontrare Mozart, suonando davanti all'insegnante che ha elogiato la sua capacità di improvvisazione. Presto iniziò a eccellere nella vita musicale viennese, dando alla musica un carattere così personale che non ci volle molto a cambiare le norme musicali del 18 ° secolo. Nel 1802 subì un disturbo all'orecchio, poiché percepiva solo i toni seri, in questo modo Beethoven iniziò una nuova arte attraverso un nuovo stile di composizione. Ma presto è completamente sordo, tuttavia ciò non gli impedisce di continuare a comporre. Muore presto nel 1827 lasciando un segno musicale insopportabile.

TOP 9:

Aristotele (384-322 a.C.)

Aristotele (384-322 a.C.)
Grazie a ciò, la costruzione del pensiero e della scienza occidentali sorge, è il filosofo più significativo e il primo "naturalista" divenne discepolo di Platone. Ha fatto studi di biologia. Fondò presto la sua scuola ad Atene, il Lyceum, un luogo di insegnamento e ricerca. Ha presto creato una biblioteca dove ha raccolto tra le altre cose le costituzioni di tutti gli stati noti fino ad allora, ha anche raccolto una collezione di piante e animali conosciuti fino a quel momento. Aristotele è il più grande sintetizzatore (creatore di sistemi) della storia intellettuale europea. Con la sua metafisica desidera soprattutto conoscere il valore individuale, ma quell'individualità non può essere utilizzata per ottenere una conoscenza sicura. Ciò richiede l'immutabile catturato nelle "forme". Creatore della teoria delle "quattro cause dell'essere" che sono: la sostanza, la forma, la fine e la causa. Ha anche trovato la logica occidentale attraverso metodi per pensare correttamente.

TOP 8:

Cristoforo Colombo (1451-1506)

Cristoforo Colombo (1451-1506)
Scoperto del "Nuovo Mondo", fu un illusionista, che per 6 lunghi anni dal 1478 al 1484 infastidì il re Juan II del Portogallo con la sua fissa idea di cercare l'Ovest, attraverso l'Atlantico, la rotta per l'India, e che per questo impose: il finanziamento per quella spedizione, il titolo di ammiraglio per lui, la posizione di viceré in tutte le terre che hanno scoperto e anche il 10% di tutti i profitti previsti. Prima del suo fallimento nella corte portoghese, trovò in Spagna il sostegno che si aspettava, poiché questo paese voleva conquistare oltre; davanti a un pubblico nel 1486 le idee di Colon ebbero un grande successo. Ma fino al 1492 gli fu concesso il potere e il consenso per scoprire e conquistare alcune isole e terre ferme nel mare oceanico. Dà uno sguardo precedente a nuove terre e nel 1492 si imbarcò con la "Santa Maria", la "Pinta" e la "Niña", fu in grado di vedere la terra, arrivando alle Bahamas, poco dopo a Cuba e Haiti dove ottennero dell'oro che è stato preso come prova della sua nuova scoperta. Quindi compie altri 3 viaggi e nell'ultimo arriva in America Centrale, ma questa è stata la sua ultima impresa da quando è presto morto. Ma allo stesso tempo nei paesi europei è stato lanciato un crescente pellegrinaggio in America.

TOP 7:

Simón Bolívar (1783-1830)

Simón Bolívar (1783-1830)
Simón Bolívar era il liberatore del Sud America. L'ideale di indipendenza, all'inizio locale, divenne ben presto una rivolta volta a porre fine al potere spagnolo in tutto il Sud America. Nel 1797 si arruolò nell'esercito quest'anno quando si recò in Spagna per completare i suoi studi. Anni dopo, installato a Parigi, incontrò varie personalità e quindi promise di liberare la sua terra dal potere spagnolo. Presto con i tentativi di difendere la sua terra vede la necessità di fuggire sulla costa colombiana. Nel 1812 radunò un piccolo esercito con il quale riuscì a espellere gli spagnoli dalla grande estensione colombiana e un anno dopo ricevette il titolo di liberatore. Nel 1819 convocò il II congresso del Venezuela, dove presentò un progetto di costituzione approvato, il congresso di Angostura nominò il presidente Bolivar, costituendo così la repubblica della grande Colombia formata da Venezuela, Colombia, Panama ed Ecuador. La vittoria delle truppe di Bolivar a Carabobo (1821) significò la fine del dominio spagnolo in Venezuela e nel 1824 la fine del dominio spagnolo in America.


TOP 6:

Nelson Mandela (1918 - Presente)

Nelson Mandela (1918 - Presente)
Nelson Mandela è nato il 18 luglio 1918 a Mvezo, una città di 300 abitanti vicino a Umtata nel Transkei. Apparteneva al clan Madiba dell'etnia Xhosa, era uno dei 13 figli, che aveva suo padre Gadla Henry Mphakanyiswa o (anche chiamato Henry Mgadla Mandela), con le sue quattro mogli da un consigliere principale della casa reale Thembu; a sua volta era il nipote del re (Ngubengcuka, morto nel 1832); sua madre era Nonqaphi Nosekeni Fanny terza delle mogli di Gadla Henry Mphakanyiswa.1 Mandela nel 1937. Dopo aver finito il liceo, iniziò a studiare al Fort Hare University College per ottenere la laurea. Lì fu eletto membro del Consiglio dei rappresentanti degli studenti, fu espulso insieme a un partner per aver partecipato a uno sciopero degli studenti. Si trasferì a Johannesburg, dove nel 1941 completò gli studi di maturità per corrispondenza all'Unisa. Ha quindi studiato giurisprudenza all'Università di Wiswatersrand, dove si è laureato, nel 1942, come avvocato.2 Si è sposato tre volte, con 6 figli. Della sua prima moglie Evelyn Ntoko Mase, deceduta nel luglio 2003 per polmonite, 3 divorziarono nel 1957 dopo 14 anni di matrimonio. Una figlia di questo matrimonio è morta durante l'allattamento. Il suo primo figlio, Madiba Thembekili, morì nel 1969 in un incidente d'auto. Il 6 gennaio 2005, il secondo figlio di Mandela e la sua prima moglie, Makgatho Mandela, morirono all'età di 54 anni a Johannesburg a seguito di una malattia correlata all'AIDS, era avvocato e uomo d'affari, si sposò due volte e padre di 4 bambini Dopo 38 anni di matrimonio con Winnie Madikizela (Winnie Mandela), si è separata a causa degli scandali politici nell'aprile 1992 e alla fine ha divorziato il 19 marzo 1996. Con Winnie ha avuto due figlie, Zenani (Zeni), nata il 4 Febbraio 1958, e Zindziswa (Zindzi), nato nel 1960. Per il suo ottantesimo compleanno, il 18 luglio 1998, sposò Graça Machel, la vedova di Samora Machel, ex presidente del Mozambico e sponsor dell'ANC, che morì nel 1986 in un incidente aereo. Mandela è appassionata di musica classica di Georg Friedrich Handel o Piotr Ilich Tchaikovsky, che di solito ascolta godersi i tramonti.

TOP 5:

Isaac Newton (1642-1727)

Isaac Newton (1642-1727)
Iniziò a studiare nel 1661, interessato alla filosofia e alla scienza. Presto nel 1668 ricevette il titolo di professore, un ciclo in cui studiò e ricercò gli ultimi progressi della matematica e della filosofia naturale. È considerato uno dei più grandi scienziati della storia, ha dato importanti contributi in molti campi della scienza, ha scoperto le leggi che governano il movimento delle stelle, ha dimostrato l'esistenza della gravità sulla superficie della terra, risolvendo anche problemi in relazione alla luce e all'ottica, ha inventato il calcolo differenziale indipendentemente da Leibniz, e grazie a quel calcolo è stato in grado di dedurre molte leggi e prevederne altre. Presto muore dopo una lunga malattia.

TOP 4:

Mahatma Gandhi (1869-1948)

Mahatma Gandhi (1869-1948)
Dal 1918 era apertamente a capo del movimento nazionalista indiano. Stabilì nuovi metodi di lotta sociale come lo sciopero della fame, e nei suoi programmi respinse la lotta armata e predicò l'Ahiṃsā come mezzo per resistere al dominio britannico. Proclamò la totale fedeltà ai dettami della coscienza, raggiungendo perfino la disobbedienza civile, se necessario; Inoltre, ha salutato il ritorno alle antiche tradizioni indiane. Corrisponde a Leon Tolstoy, che influenzò il suo concetto di resistenza non violenta. È stata evidenziata la Marcia del Sale, una dimostrazione in tutto il paese contro le tasse alle quali questo prodotto era soggetto. Incarcerato diverse volte, divenne presto un eroe nazionale. Nel 1931 partecipò alla Conferenza di Londra, dove rivendicò l'indipendenza dell'India. Si appoggiò a favore della destra del partito del Congresso e ebbe conflitti con il discepolo Nehru, che rappresentava la sinistra. Nel 1942, Londra mandò Richard Stafford Cripps come intermediario a negoziare con i nazionalisti, ma non trovando una soluzione soddisfacente, radicalizzarono le loro posizioni. Gandhi e sua moglie Kasturbá furono privati della loro libertà e furono messi agli arresti domiciliari nel Palazzo dell'Aga Khan dove morì nel 1944.3 mentre lui aveva ventun giorni di digiuno.

TOP 3:

Leonardo da Vinci (1452-1519)

Leonardo da Vinci (1452-1519)
Si unì alla scuola del famoso pittore e scultore Andrea del Verrocchio all'età di 15 anni, poco dopo nel 1482 gli fu offerto come costruttore di ponti, artiglieria e pezzi da combattimento e come ingegnere. Quindi perfezionò tecniche che sarebbero state sviluppate solo quattro secoli dopo; Ha raccolto tutte le sue ricerche e i suoi sogni nei suoi documenti usando una sceneggiatura speciale e difficile da decifrare. Senza dubbio uno dei maggiori esponenti dei progressi scientifici dell'umanità.

TOP 2:

Albert Einstein (1879-1955)

Albert Einstein (1879-1955)
In laboratorio mentre studiava, gli piaceva controllare le cose da solo e analizzare in profondità i risultati sperimentali fino a quando non li capiva, è per eccellenza uno dei più importanti scienziati del XX secolo sia per aver sviluppato la teoria della relatività in cui l'idea che lo spazio e il tempo non fossero assoluti, ma che dipendessero dal sistema di riferimento da cui venivano studiati i movimenti delle particelle, e fu anche sostenuto che la velocità della luce che viaggia nel vuoto aveva un valore costante c (3000.000 km / s), poiché ha contribuito alla fisica quantistica, i due nuovi rami della cosiddetta fisica moderna.


TOP 1:

Jesus of Nazareth - Christ- (7 BC - 33)

Jesus of Nazareth - Christ- (7 BC - 33)
Era un uomo esemplare e ricco di virtù, associato anche alla proclamazione di una teoria sacra ampiamente definita. Poco dopo la fondazione del cristianesimo, Pietro, realizzando la prima predicazione cristiana, ottiene presto abbastanza seguaci, predicando amore agli altri, amore al nemico e rifiuto del servizio militare. Ciò generò una grande disputa con l'impero romano, poiché quello stato di guerra era stato quello che aveva portato Roma al suo potere. Comincia così orribili persecuzioni, ma non è mai riuscito a sterminare completamente il cristianesimo. Nell'anno 303 al tempo di Diocleziano, furono attuate le peggiori persecuzioni, con i cristiani che venivano giustiziati, gettati in bestie selvagge o bruciati. Presto l'imperatore fu costretto a dimettersi. Costantino salì presto al potere, e così il cristianesimo fu accettato, l'Occidente era completamente cristianizzato.