I 10 tsunami più devastanti di sempre

| PRESENTE
I 10 tsunami più devastanti di sempre
Fonte:listas.20minutos.es
CIAO A TUTTI, COME PUOI DARE UN CONTO SIAMO MOLTI FENOMENI NATURALI SUL NOSTRO PIANETA, CHE CAUSANO MOLTE DISASTRI, COSÌ QUI LASCIO ALCUNI DI QUELLI CHE HANNO MARCATO LA STORIA DEL MONDO, E I TSUNAMI, CHE HANNO FATTO PIÙ DISASTRO, CHE COSA È COSÌ IMPORTANTE DA PRENDERE CURA DEL NOSTRO PIANETA?, BENE QUI TI LASCO, SALDI E LOL.

TOP 10:

Il terremoto e lo tsunami a Giava, 2006.

Il terremoto e lo tsunami a Giava, 2006.
Il 17 luglio 2006, il fondale marino vicino a Giava, in Indonesia, è stato scosso da un terremoto di magnitudo 7,7. Lo tsunami alto 7 metri ha colpito la costa dell'Indonesia, compreso un tratto di Java di 150 chilometri che era stato fortunato a essere rimasto illeso dallo tsunami del 2004. Le onde sono penetrate per più di un chilometro nell'entroterra, raggiungendo il livello del edifici in luoghi come la spiaggia di Pangandaran. In totale, almeno 668 persone hanno perso la vita, 65 sono state dichiarate disperse e oltre 9000 persone hanno richiesto cure mediche per le lesioni subite a seguito del terremoto e dello tsunami.

TOP 9:

Il terremoto e lo tsunami di Papua Nuova Guinea, 1998.

Il terremoto e lo tsunami di Papua Nuova Guinea, 1998.
Il terremoto di magnitudo 7,0 che ha sconvolto la costa settentrionale della Papua Nuova Guinea il 17 luglio 1998, non avrebbe dovuto causare uno tsunami così devastante, tuttavia, il terremoto ha causato un grande crollo sottomarino, che a sua volta ha generato onde fino a 15 metri di altezza e una media di 10 metri di altezza. Quando lo tsunami ha colpito la costa, ha causato almeno 2.183 morti, più di 500 persone disperse e circa 10.000 abitanti sono rimasti senza casa. Molti villaggi furono gravemente danneggiati, mentre altri, come Arop e Warapu, furono completamente distrutti. Se una singola cosa positiva può essere estratta dalla catastrofe, è stato che ha fornito agli scienziati informazioni preziose sulla minaccia delle frane sottomarine e sugli tsunami inattesi che possono causare, si spera che queste informazioni salveranno vite in futuro.


TOP 8:

Il terremoto e lo tsunami dell'Hokkaido, 1993.

Il terremoto e lo tsunami dell'Hokkaido, 1993.
Il 12 luglio 1993, un terremoto di magnitudo 7,8 divise la terra a 80 miglia dalla costa dell'Hokkaido, in Giappone. Le autorità giapponesi hanno risposto rapidamente, lanciando un avvertimento sullo tsunami, ma la piccola isola di Okushiri era lungi dall'essere aiutata. Solo pochi minuti dopo il terremoto, l'isola fu bombardata da onde giganti, alcune delle quali raggiunsero l'incredibile altezza di 30 metri. Era troppo per le barriere di tsunami posizionate sull'isola e alcune aree sono state colpite da onde multiple. Il terremoto ha causato 197 vittime e lo tsunami 250 abitanti di Okushiri (anche l'Hokkaido e la Russia sud-orientale sono stati colpiti), anche se molte vite sono state salvate, grazie ai ricordi dello tsunami del 1983 che ha colpito l'isola 10 anni prima, che ha causato un'evacuazione più rapida.

TOP 7:

Il terremoto e lo tsunami di Tumaco, 1979.

Il terremoto e lo tsunami di Tumaco, 1979.
Pochi secondi prima delle 8:00 del 12 dicembre 1979, un terremoto di magnitudo 7,9 iniziò a fare rumore di fronte alla Colombia e alla costa del Pacifico dell'Ecuador. Lo tsunami che seguì spazzò sei villaggi di pescatori e distrusse gran parte della città di Tumaco, così come diverse altre città lungo la costa colombiana. In totale, 259 persone sono morte, mentre 798 sono rimaste ferite e 95 sono scomparse.

TOP 6:

Il terremoto e lo tsunami in Alaska, 1964.

Il terremoto e lo tsunami in Alaska, 1964.
Il 27 marzo 1964 fu il Venerdì Santo, ma il giorno del culto cristiano fu interrotto da un terremoto di magnitudo 9,2 (il più violento mai registrato nella storia americana). Il conseguente tsunami ha devastato la costa occidentale del Nord America, causando la morte di 121 persone in luoghi lontani come l'Alaska e la California. Le onde sono state registrate ad altezze fino a 30 metri e uno tsunami di 8 metri ha investito la cittadina di Chenega in Alaska, uccidendo 23 persone. Il sisma ha anche causato cambiamenti permanenti nella geografia della regione, con aree del terreno dell'Alaska che sono scese a 2,4 metri.


TOP 5:

Il terremoto e lo tsunami di Samoa, 2009.

Il terremoto e lo tsunami di Samoa, 2009.
Il 29 settembre 2009, l'isola di Samoa ha registrato un terremoto di magnitudo 8,1 vicino alle 7:00. Le onde dello tsunami risultante hanno raggiunto fino a 14 metri, al loro livello più alto, hanno viaggiato fino a un chilometro nell'entroterra in alcuni punti, ingoiando i villaggi e causando una grande distruzione. Samoa, Tonga e Samoa americane hanno registrato 189 feriti, molti dei quali bambini, ma la perdita di più vite umane è stata evitata grazie al Pacific Tsunami Warning Center, che ha dato alla gente il tempo di evacuare nelle aree più alte.

TOP 4:

Il terremoto e lo tsunami del Golfo del Moro, 1976.

Il terremoto e lo tsunami del Golfo del Moro, 1976.
Nelle prime ore del 16 agosto 1976, la piccola isola di Mindanao nelle Filippine fu colpita da un terremoto di magnitudo almeno di 7,9. Il terremoto ha causato un enorme tsunami che ha distrutto più di 433 metri dalla costa, dove gli abitanti non erano a conoscenza del pericolo e della necessità di fuggire su un terreno più elevato. Migliaia di vittime sono state assorbite nel mare. In totale, 5.000 persone hanno perso la vita, con altri 2.200 dispersi, 9.500 feriti e oltre 90.000 abitanti rimasti senza casa. Le città e le province della parte settentrionale del Mar delle Filippine sono state devastate dallo tsunami, con onde che hanno raggiunto un'altezza di 5 metri. È considerato uno dei peggiori disastri naturali di sempre in quel paese.

TOP 3:

Il terremoto e lo tsunami della Valdivia

Il terremoto e lo tsunami della Valdivia
Nel 1960, il mondo ha subito il più forte terremoto da quando ha iniziato a registrare questi eventi. Il 22 maggio, il grande terremoto in Cile (magnitudo 9,5) è iniziato sulla costa meridionale del Cile centrale, causando un'eruzione vulcanica e uno tsunami devastante. Onde alte fino a 25 metri colpiscono le aree locali, mentre lo tsunami accelera a tutta velocità attraverso il Pacifico, con la prima ondata che colpisce a Hilo, nelle Hawaii, circa 15 ore dopo l'inizio del terremoto, uccidendo 61 persone . Sette ore dopo, le onde hanno colpito le coste del Giappone, causando la morte di altre 142 persone. Si stima che fino a 6.000 persone abbiano perso la vita a causa del terremoto e dello tsunami.


TOP 2:

Il terremoto e lo tsunami di Tohoku, 2011.

Il terremoto e lo tsunami di Tohoku, 2011.
Sebbene tutti gli tsunami siano pericolosi, lo tsunami che ha colpito Tohuku, in Giappone, nel 2011, potrebbe avere le peggiori conseguenze a lungo termine. L'11 marzo, sono state registrate onde di 10 metri di altezza, dopo un terremoto di magnitudo 9,0, anche se alcuni rapporti dicono che le onde hanno raggiunto un'altezza di 40 metri, viaggiando per quasi 10 chilometri nell'entroterra. Circa 125.000 edifici sono stati danneggiati o distrutti, anche le infrastrutture di trasporto sono state colpite duramente. Mentre il numero allarmante di 25.000 persone morte o disperse è abbastanza terribile, lo tsunami risultante ha anche danneggiato la centrale nucleare di Fukushima, causando una crisi e un disastro al più alto livello della scala internazionale degli eventi nucleari. Tutte le conseguenze di questo disastro nucleare non sono ancora chiare, ma le radiazioni sono state rilevate a più di 300 chilometri dall'impianto.

TOP 1:

Terremoto e tsunami nell'Oceano Indiano, 2004.

Terremoto e tsunami nell'Oceano Indiano, 2004.
Il mondo è stato sorpreso dal micidiale tsunami che ha colpito i paesi che circondano l'Oceano Indiano nel 2004, raccogliendo circa $ 14 miliardi in aiuti umanitari. Lo tsunami è stato il più mortale di sempre, con una terribile cifra di 230.000 morti, che ha colpito 14 paesi (il più colpito è stato l'Indonesia, seguita da Sri Lanka, India e Tailandia). Il massiccio terremoto sottomarino ebbe una magnitudo di 9,3 e causò onde fatali che arrivarono fino a 30 metri di altezza. Gli tsunami hanno inondato diverse aree costiere solo 15 minuti dopo e sono durate sette ore dopo il terremoto iniziale. Pur avendo ore per prepararsi all'impatto delle onde in alcuni luoghi, la mancanza di un sistema di allarme tsunami nell'Oceano Indiano ha portato alla sorpresa molte aree costiere densamente popolate. Detto questo, alcuni luoghi sono stati salvati grazie al contributo del folklore locale e persino dalla conoscenza dei bambini che avevano imparato a conoscere gli tsunami a scuola, fattori che permettevano alle persone di riconoscere e agire sui primi segnali di allarme.